Cosmografie

Ultimi fuochi ad Occidente

Ultimi fuochi ad Occidente

By Elena del Drago

«What place would you advise me to visit now?»
«The planet Earth», replied the geographer. «It has a good reputation».
And the little prince went away, thinking of his flower.
[Antoine de Saint-Exupéry, The Little Prince]

On entering the Galleria André, even the most careful and experienced observer of Fiorella Corsi’s work cannot help but be amazed by the evolution of a language which, until now, the artist had chosen to keep confined within the walls of her studio to be used as a highly private, yet fundamental exercise for the development of her artistic journey. Through her work, Fiorella Corsi has allowed us to explore a world of materials and to do so without impositions, without intermediaries and without obstacles: terracotta, in particular, has been a faithful companion on her voyages into the third dimension, finding inspiration at times rooted in literature but more frequently in fable. From small to large, from the tiniest detail to monumental constructions, it is the process of giving shape with the hands, of physically manipulating and then firing her material which has for years been the fulcrum of Fiorella Corsi’s artistic production, most especially her public works public. It is almost as if the works finally on show in this individual exhibition were a form of private diary, a secret text, free from the physical constraints of sculpture. That there is also a renewed interest in the qualities of surface can be gathered from her more recent sculptural work, above all the Altare per Gea (Altar to Gaia) in Catania, produced on the invitation of Antonio Presti. Reaching a height of seven metres the work is situated in the Librino quarter of Catania and celebrates the Earth Goddess with a large area where the material has been worked as if it were a canvass and the eye can lose itself between chromatic variation and a wealth of extraordinary symbols: the slabs of terracotta are richly textured to capture and reflect every possible hue of its colour. It is this chromatic richness which we also find in these Cosmografie (Cosmographies),conceived to evoke the same natural force, even to include the elements in which it is expressed, without however being anchored to any weight. Shades range from ochre to earth to sky blue, from the black of rocks to the various shades of grey achieved through an extraordinarily textural use of watercolour. This, however, involves neither direct imitation nor abstraction, rather a distillation of wonder. Neither is realism to be found in these two dimensional works of Fiorella Corsi, rather we find the trace of a necessary contact with nature, the memory of all the readings, the philosophical tracts and scientific discoveries which may help to understand its workings.

The choice to return to pigment and brush in order to recount, from an alternative perspective, the things which have always fascinated her was not easily taken. For Fiorella Corsi, who studied under Giulio Turcato at the Academy of Fine Arts in Rome, painting was, in fact, the first choice. However, the practice of painting seemed to her to be an obstacle to the free flow of her approach based in the passions; it was too intellectual, too mediated, too full of leaden ideas to allow for an exploration of the world in the way she wanted. It is only with the passing of time and the wealth of experience it has brought that the artist has allowed herself to return to paper and brush. They are formed of the overlapping lines of multiple horizons, vortices, marks of rocks gouging, stratification and signs of natural phenomena, gathered from the everyday and from all latitudes, magical and poetic annotations from various locations around the world. Some of the works on show originate in the observation of fire, the observations of the sky in oils such as La nascita di una Stella (The birth of a Star), but also the small Bombe del vulcano (Volcanic bombs) observed on Mount Etna. Travel is an essential part of the work of Fiorella Corsi who finds nourishment from the ‘elsewhere’ – be it an ‘elsewhere’ which is extremely near and recognizable or distant and exotic – she is indifferent to either climates or difficulties as long as they can express a strong material dimension, a natural absolute, which can provide clues to answering the questions about the origins of Life which man cannot help but ask. It is in these we find the inalienable and the eternal around the identity of humankind and the planet that are hidden behind each of Fiorella Corsi’s works. Fragments brought back from the deserts of Libya and also from frequent explorations of old houses and abandoned mines, as well as souvenirs of minerals and stones: all these contribute in different ways to the re-elaboration of her interest in Planet Earth and in the biological miracle it represents, a wonder which is at the basis of her exploration of its several aspects.

Fiorella’s painting, as can clearly be seen from the watercolours and well as the works in oil, is free and considered at the same time, it is the idea of night and sky, of the infinite and the horizon, of absolute darkness and blinding light, allowed to settle and then disturbed. At a second stage, the process imposed by terracotta, the ability to wait for the time required for firing and drying is applied to the practice of painting – patience is another crucial element in the work of Fiorella Corsi.

Here we are a long way from the equally material, but far more instinctive, immediate language of much post-informal art, a long way from the many experiments which took place in the wake of an emotional transposition of experience, but also from the hypertrophic ego which characterises a certain amount of artistic production. Fiorella Corsi’s gaze resembles that of Antoine de Saint-Exupéry’s protagonist: full of wonder and curiosity for the incredible strangeness of cosmic life and for his unparalleled interest in the conventions of real life. Fiorella too, and her work is the proof, is convinced of the greater importance of the life of the cosmos compared to real life. And if we must concern ourselves with reality, it is better to engage with reality mediated through literature, through mythology and fable. Alongside the watercolours and oils in this surprising exhibition appears a Libro di terra (Book of the earth), where the many pages and the many words of other books become a single, natural element. And it seems to speak of the eternal ‘check mate’ which nature reserves to those who dedicate themselves to its exploration, to those who try to imagine alternative forms of beauty and to write of other possibilities. Only a explorer with great wonder and profound humility could achieve these things and Fiorella Corsi is such an explorer.

Nascita di una stella

Nascita di una stella

*  *  *

 «Che cosa mi consigliate di andare a visitare?»
«Il pianeta Terra» gli rispose il geografo: «Ha una buona reputazione…».
E il piccolo principe se ne andò pensando al suo fiore.
[Antoine de Saint-Exupéry, Il piccolo principe]

Entrando nelle stanze della Galleria André, anche il più attento conoscitore dell’opera di Fiorella Corsi sarà colto da stupore davanti all’elaborazione di un linguaggio che sino ad oggi l’artista aveva scelto di custodire all’interno del suo studio, di utilizzare come esercizio privatissimo, eppure fondamentale, del suo percorso artistico. Fiorella Corsi ci ha finora abituati ad esplorare un mondo materico, e a farlo senza sovrapposizioni, senza intermezzi, senza ostacoli: la terracotta in particolare, lavorata seguendo un’ispirazione a tratti letteraria, spesso fiabesca, è stata compagna fedele di incursioni nella terza dimensione. Dal piccolo al grande, dai dettagli più infinitesimali alle realizzazioni monumentali, la possibilità di plasmare con le mani, di lavorare fisicamente al modellare e poi al cuocere, è stato per anni il fulcro del procedere artistico, soprattutto pubblico, di Fiorella. Quasi che le carte esposte, finalmente, in questa personale, fossero un diario intimo, una scrittura segreta, libera e leggera dagli impedimenti fisici della scultura. Che ci fosse però un rinnovato interesse per la superficie lo facevano intuire anche le più recenti realizzazioni scultoree, I’Altare per Gea realizzato su invito di Antonio Presti a Catania innanzitutto. Sette metri di altezza per celebrare, nel quartiere di Librino, la dea della Terra, una grande area dove la materia è lavorata come fosse una tela, e lo sguardo può perdersi tra un’attenzione cromatica e una ricchezza di segni straordinaria: le tavole di terracotta vengono ricamate senza sosta, in una trama che raccoglie e riflette ogni possibile sfumatura del medesimo colore. Una ricchezza cromatica che troviamo anche in queste Cosmografie, concepite per evocare la medesima forza naturale, e persino gli elementi in cui si esprime, senza essere però ancorati ad alcun peso. Si passa dall’ocra della terra al blu del cielo in queste carte, dal nero delle rocce a diverse possibilità del grigio, attraverso un utilizzo straordinariamente materico dell’acquerello, senza che ci sia mai mimesi diretta, e neppure astrazione, quanto piuttosto la distillazione di uno stupore.

Non troviamo del realismo infatti nelle opere bidimensionali di Fiorella Corsi, ma piuttosto le tracce di un contatto necessario con la natura, il ricordo di tutte quelle letture, saggi filosofici e scoperte scientifiche, che possano aiutarne a comprenderne i meccanismi. E non è stata una scelta facile, questa di affidarsi al colore e ai pennelli per tornare a raccontare, da un’altra prospettiva, le fascinazioni di sempre. Per Fiorella Corsi, allieva di Giulio Turcato all’Accademia di Belle Arti la pittura era stata, infatti, la prima scelta. Ma l’esercizio pittorico era sembrato a Fiorella Corsi un ostacolo al libero fluire del proprio approccio passionale, troppo intellettuale, troppo meditato, carico di idee pesanti come macigni per l’esplorazione del mondo che invece voleva compiere. E soltanto con il passare del tempo, grazie all’esperienza ricca degli anni passati, l’artista si è concessa di tornare al segno diretto del pennello sulla carta. Sono linee dell’orizzonte, tante e sovrapposte, vortici, segni di rocce, stratificazioni e registrazioni dei fenomeni naturali, colti nella loro quotidianità e a tutte le latitudini, annotazioni poetiche e incantate da diversi luoghi del mondo. Alcuni dei lavori in mostra trovano origine dall’osservazione del fuoco, gli olii che guardano al cielo come La nascita di una Stella, ma anche le piccole Bombe del vulcano osservate sull’Etna. La pratica del viaggio è infatti essenziale nel lavoro di Corsi, che si lascia nutrire dagli altrove – e non importa se si tratta di un altrove estremamente vicino e riconoscibile, oppure esotico e straniero – indifferente a climi e difficoltà, purché sappiano esprimere una forte dimensione materica, un assoluto naturale, che sappiano fornire indizi per rispondere alle domande sull’origine della vita che gli uomini non possono che continuare a porsi. Sono i quesiti irrinunciabili ed eterni attorno all’identità del genere umano e del suo pianeta che si nascondono, infatti, dietro ogni lavoro di Fiorella Corsi. Tra i frammenti riportati dal deserto libico, ma anche dalle frequenti escursioni in vecchie case, in miniere abbandonate, tra i ricordi di pietre e minerali: diverse declinazioni di un medesimo rielaborare l’interesse per il Pianeta Terra e l’eccezionalità biologica che rappresenta, uno stupore alla base del percorso di Fiorella Corsi nei diversi aspetti che pure assume.

Il dipingere di Fiorella, ben evidente nelle carte, quanto negli olii, è felice e meditato allo stesso tempo, è l’idea della notte e del cielo, dell’infinito e dell’orizzonte, del buio assoluto e della luce più accecante, sedimentata e poi rievocata. In un secondo tempo: il processo che richiede la terracotta, la capacità dunque di aspettare i tempi della cottura e dell’essiccazione viene applicata al dipingere perché la pazienza nel lavoro di Fiorella Corsi è altro elemento cruciale.

Siamo distanti dall’approccio ugualmente materico, ma assai più istintivo, immediato, gestuale di tanta arte post Informale, lontani dai molti esperimenti nel solco di una trasposizione emotiva del proprio vissuto, ma anche dall’io ipertrofico che caratterizza certa produzione artistica. Lo sguardo di Fiorella Corsi assomiglia a quello del protagonista immaginato da Antoine de Saint-Exupéry: meravigliato e carico di curiosità per l’incredibile stranezza della vita cosmica, per il suo imparagonabile interesse rispetto alle convenzioni della vita reale. Anche Fiorella, e i suoi lavori ne sono prova, è convinta della maggiore importanza della vita del cosmo rispetto a quella reale. E se proprio ci si deve occupare anche della realtà, meglio quella reinventata attraverso la letteratura, attraverso la mitologia, attraverso le fiabe. Accanto alle carte e agli olii, ecco comparire in questa mostra così inaspettata un Libro di terra, dove le tante pagine, le tante parole di altrettanti libri, diventano un unico elemento naturale.  E sembra dirci dell’eterno scacco che la natura riserva a quanti si dedicano alla sua indagine. A quanti cercano di immaginare una bellezza diversa, di scrivere altre possibilità. E solo una ricercatrice dotata di immenso stupore e profonda umiltà come Fiorella Corsi poteva farlo.

Leggi il comunicato stampa della mostra

Cosmografia_1

Cosmografia_1

Cosmografia_2

Cosmografia_2

Deserto

Deserto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...