The Writing of the Wind/La Scrittura del Vento

La Scrittura del Vento, particolare

La Scrittura del Vento, particolare

Wind, Time, Quills
By Maura Picciau

In The Writing of the Wind Fiorella Corsi continues and completes the themes pervading her previous exhibitions, Gea’s Womb and The Nose: the relationship between man and earth, tale-telling as memory’s primeval act. The artist is here proposing a meditation upon the most ancient, original meaning of writing – rooted in nature – and upon the value men gave to engraved signs, to the extent of considering them as the most precious elements in the species, constitutive of civilization.
The exhibition is conceived as an organic path, but it can significantly be travelled over in both senses, proceeding from the narrations of nature to the Phylacteries guarded in capsules, which pick up choral words and hand them down as long as somebody can still interpret them.
The Fairy chimneys, thin necks moulded by both the wind and the author’s hands, stand precariously in the Asian lands. Like the first writings, they recall the fertile Half-Moon, that area in the planet which in some other epoch must have offered a perfect harmony between men and nature. Perfect though somewhat different shapes, Writings of the wind bears eroded stones on top, black and oxidized eggs, hypothetical stone books recalling the long time necessary for their creation. The spectator is summoned to share an esthetical experience of physical and spiritual involvement: the works recall open lands, evening breezes, starred skies, and one can actually feel temporarily pressed by the air.
Fiorella Corsi’s debut in painting left her an inclination for colour; her works in terracotta are here and there burning with earthly brown or red tones, or even metallic, underground ones. But the technical chellenge of the great scale chosen for her sculptures, obtained by moulding the clay bare-hand, reveals a greatly vigorous and concentrated modeller, acting through thinking hands, according to an expression by Marcello Venturoli. She meditates on the constant shapes adopted by nature and reproduces them, but she appropriates the distance from the norm, the accidental event, the mistake that, by generating novelty, makes the tale real. Creations coming from meditation but istinctively performed, Corsi’s handmade works can grow from their interior and, like completed sketches, these sculptures can be imagined while expanding: she has reached the archetypal.
In Traces of Tought her intention lies in reconsidering the metaphor of the cave, a place for indistinctness and emotional chaos, and for knowledge-bearing light. The winged foot of the gods’ messenger, trickster and therefore story-teller, can fly thanks to the book; the access to the clearer regions of consciousness is within everybody’s grasp, in the shareable places of word and memory.
Corsi’s work draws its strength from the amount of objects being repeated: the feet describe different trajectories, crossing, superimposing and colliding with each other, making a univocal reading, as well as comprehending them in space, intentionally difficult. They create the space they live in. Just like thoughts, the winged feet are rebelling against order and hierarchies, but, while appearing, they unveil remote aspects of places and things.
The first part is concluded by Coronis, the Northern Crown, costellation dedicated to Ariadne. Ariadne is the winding of love, of any splendour coming hence, but also of deceit and loneliness. Alone in the firmament, Ariadne shines and recalls that a thread marks story, but a crown will seal its ending; Koronis is also a frieze on a book’s end. The seven stars of the Northern Crown are earthly spheres for Fiorella Corsi, telluric writings rather than stars. Slightly irregular, unstably balanced, Coronis’ stars seem to be on the verge of moving, as if they meant to raise or to orbit, in order to measure the force connections that occur between single elements and habitat.
The reste of the works testify to men’s effort to defeat caducity and oblivion through writing. Curiously enough, the act initially produced accounts, sums, and reports: the grey bookkeeping of actual life written on Fossil Eggs and Tablets. The artist finds graphemes from the past and translates them into the present, engraving the surface of sculptures with them: by imagining, she appropriates them.
Corsi reflexes upon the double function of language: a medium for the communication of ideas and feelings, but also an instrument for the mind to learn how to recognize them and give them both a name and a meaning. Writing, making a whole with speaking, is offered as a chance to interpret the world: giving the things a name makes them real. In the future editions of the exhibition, the tablets of the previous one will be included in the works: being already history, they create memory.
This is the very content of Fiorella Corsi’s exhibition: writing beats time, producing memories and memory, which become writing.
So the Phylacteries, soft cartouches laboriously knitted with a metallic wire, evoke an already far age, which acted with no haste and is still alive in the daily act of reading. In knitting, the action of the hand is repeated endlessly and the mind can venture into thought. Prevented from writing, women have narrated through their thread, purling to and fro, a long and asphyxiating boustrophedonic writing. Stitch after stitch, moment after moment, the knitting grows and life passes by. The Phylacteries are the most intense work of the roman sculptress, as for formal synthesis and intensity of meaning.
They surely represent a new outcome for her tenacious hand-skill and will, illustrating – in their chromatic evidence – a wise and original artistic personality.

Palazzo Medici Clarelli, Roma

Palazzo Medici Clarelli, Roma

*  *  *
Il Vento, il Tempo, lo Stilo
Di Maura Picciau

Con La Scrittura del Vento Fiorella Corsi riprende e porta a compimento i temi che informavano le sue mostre precedenti – Il Ventre di Gea e Il Naso – : la relazione tra l’uomo e la terra, il racconto come atto primo della memoria. L’artista propone qui una riflessione sul senso più antico, originario, dello scrivere – che affonda nel dato di natura – e sul valore che gli uomini hanno attribuito al segno inciso, fino a considerarlo l’elemento più prezioso della specie, costitutivo di civiltà.
L’esposizione è concepita come un percorso unitario, ma significativamente percorribile nei due sensi, il quale procede dalle narrazioni della natura sino ai Filatteri, custoditi nelle capsule, che raccolgono le parole corali e le tramandano, perpetuandole sino a quando un uomo saprà ancora interpretarle.
I camini di fata, sottili colli modellati dal vento quanto dalle mani dell’autrice, si innalzano precari nelle terre dell’Asia. Come le prime grafie, essi rinviano alla Mezzaluna Fertile, quell’area del pianeta che in altre epoche deve aver soddisfatto un rapporto di armonia tra la natura e gli individui. Forme perfette nella singola diversità, le scritture del vento recano in cima rocce erose, uova nere e ossidate, ipotetici libri di pietra che ricordano il lungo tempo necessario alla loro creazione. Lo spettatore è chiamato ad un’esperienza estetica di coinvolgimento fisico e interiore: le opere evocano distese aperte, brezze serali, cieli stellati, e per un attimo, ci si sente sospinti dall’aria.
Gli esordi in pittura di Fiorella Corsi hanno lasciato in lei il piacere del colore, le sue terrecotte sono qua e là accese da toni bruni di terra, rossi , o ancora, da cromìe metalliche, da sottosuolo. Ma la sfida tecnica della grande scala scelta per le sue sculture, lavorate modellando la creta a mano nuda, rivela una plasticatrice di grande vigore e concentrazione, che agisce, secondo una felice espressione che fu di Marcello Venturoli, con mani pensanti. Ella medita sulle forme costanti che la natura adotta e le riproduce, ma fa suo lo scarto dalla norma, l’evento accidentale, l’errore, che generano la novità, concretano il racconto.
Creazioni ragionate, ma eseguite d’istinto, i manufatti della Corsi sono suscettibili di crescita dal loro interno e, come dei bozzetti compiuti, queste sculture si possono immaginare in espansione: ella è giunta all’archetipo.
Con Le Orme del Pensiero ci si propone di riconsiderare la metafora dell’antro, luogo dell’indistinto e del caos emotivo, e della luce che reca la sapienza. Il piede alato del messaggero degli dei, dio truffaldino e quindi inventore di storie, vola grazie al libro; l’accesso a regioni più chiare della coscienza è alla portata di tutti, negli spazi condivisibili della parola e della memoria. L’installazione della Corsi trae forza dal numero di oggetti ripetuti: i piedi descrivono traiettorie diverse, che si intersecano, si sovrappongno, si urtano, rendendo volutamente difficile una lettura univoca e un comprenderli nello spazio. Essi creano lo spazio che abitano. Proprio come i pensieri, i piedi alati sono ribelli all’ordine e alle gerarchie, ma, rivelandosi, palesano aspetti remoti dei luoghi e delle cose.
Chiude questa prima parte Coronis, Corona boreale, la costellazione intitolata ad Arianna. Arianna è il dipanarsi degli amori, di ogni splendore che ne proviene, ma anche dell’inganno e della solitudine. Sola nel firmamento, Arianna brilla e ci ricorda che un filo segna una storia, ma una corona ne suggellerà la fine; Koronis è anche un fregio a conclusione di un libro. Le sette stelle della Corona boreale sono sfere terrigne per Fiorella Corsi, scritture telluriche piuttosto che astri. Leggermente irregolari, in equilibrio instabile, le stelle di Coronis paiono sul punto di muoversi, come volessero sollevarsi o orbitare, per misurare i rapporti di forza tra i singoli elementi e l’ambiente
Le opere rimanenti testimoniano il tentativo degli uomoni di sconfiggere la caducità e l’oblìo scrivendo. Curiosamente in principio furono conti, somme, riporti: la grigia contabilità della vita pratica scritta su Uova Fossili e Tavolette.
L’artista ritrova i grafemi del passato e li traduce nel presente, incide le superfici della sculture e, immaginandoli, se ne appropria.
La Corsi si interroga sulla duplice funzione della lingua: mezzo per comunicare idee e sentimenti, ma anche nella mente, strumento di base per imparare a riconoscerli e a dar loro un nome e un senso.
La scrittura, tutt’uno con la parola, si dà come possibilità di interpretazione del mondo: dando il nome alle cose, le invera; nelle future edizioni della mostra saranno esposte le tavolette precedenti, le quali, già storia, creeranno memoria.
Così i Filatteri, morbidi cartigli scritti col filo di metallo, faticosamente sferruzzati, evocano un tempo già lontano, che agiva senza fretta e che è ancora vivo nell’atto quotidiano dela lettura. Nella maglia il gesto della mano si ripete all’infinito e la mente può avventurarsi nel pensiero. Precluse allo scrivere, le donne hanno raccontato col filo – dritto e rovescio – con una lente e asfissiante scrittura bustrofedica. Punto dopo punto, attimo dopo attimo, cresce la maglia e trascorre l’esistenza.
I Filatteri sono tra le opere più intense della scultrice romana, per sintesi formale e pregnanza di significato. Certamente essi rappresentano l’esito nuovo di una fabrilità e di una volontà tenaci e, nella loro evidenza cromatica, dicono di una personalità artistica sapiente e originale.

La Scrittura del Vento, installazione, terracotta e ossidi, h. cm 240x180

La Scrittura del Vento, installazione, terracotta e ossidi, h. cm 240×180

La Scrittura del Vento, particolare

La Scrittura del Vento, particolare

La Scrittura del Vento, particolare (2)

La Scrittura del Vento, particolare (2)

La Scrittura del Vento, particolare (3)

La Scrittura del Vento, particolare (3)

La Scrittura del Vento, particolare (4)

La Scrittura del Vento, particolare (4)

La Scrittura del Vento, particolare (5)

La Scrittura del Vento, particolare (5)

La Scrittura del Vento, particolare (6)

La Scrittura del Vento, particolare (6)

La Scrittura del Vento, particolare (7)

La Scrittura del Vento, particolare (7)

Le Orme del Pensiero, installazione, mq 20

Le Orme del Pensiero, installazione, terracotta, mq 20

Le Orme del Pensiero, installazione, mq 20 (2)

Le Orme del Pensiero, installazione, terracotta, mq 20 (2)

Coronis, installazione, terracotta e ossidi, Ø cm 34 - 40

Coronis, installazione, terracotta e ossidi, Ø cm 34 – 40

Coronis, (particolare)

Coronis, (particolare)

Coronis, (particolare - 2)

Coronis, (particolare – 2)

Tavolette, terracotta, Ø cm 34

Tavolette, terracotta, Ø cm 34

Tavolette, terracotta, Ø cm 34 (2)

Tavolette, terracotta, Ø cm 34 (2)

Piede alato, terracotta, cm 30x12

Piede alato, terracotta, cm 30×12

Uova Fossili, terracotta e ossidi, Ø cm 22x33

Uova Fossili, terracotta e ossidi, Ø cm 22×33

Uova Fossili, terracotta e ossidi, Ø cm 22x33 (2)

Uova Fossili, terracotta e ossidi, Ø cm 22×33 (2)

Uova Fossili, terracotta e ossidi, Ø cm 22x33 (3)

Uova Fossili, terracotta e ossidi, Ø cm 22×33 (3)

Filatterio, terracotta, ottone e acidi, cm 250

Filatterio, terracotta, ottone e acidi, cm 250

Filatterio, terracotta, ottone e acidi, cm 250 (2)

Filatterio, terracotta, ottone e acidi, cm 250 (2)

Filatterio, terracotta e rame, cm 350

Filatterio, terracotta e rame, cm 350

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...