Sand pages/Pagine di sabbia

Museo del Vittoriano, Roma

Museo del Vittoriano, Roma

Leggi Invito della mostra

Sand pages
By Silvia Bordini

Fiorella Corsi’s studio is very small and when you first walk in you are surprised. Those enormous sculptures, those objects with an archaic flavour, those solemn and towering installations have all been created in such a small space? Everywhere, in an orderly fashion, clay and earth, grey, ochre and black, a scent of humidity and warmth, fragments waiting to be mounted, traces of  hand and  body, works in progress, forming, growing.
A discovery and a confirmation. Because Fiorella’s work is deeply linked to her materials: clay, earth soaked in water modified by air and transformed by fire, according to an archaic process of alchemy and manipulation of the four fundamental natural elements, earth, air, water and fire which from primeval chaos structure shapes and myths, transformations, metamorphoses in time and space. Materials which become image and metaphor, maintaining the aura and the energy of their primordial substance.
This is the genesis of the sculptures in this exhibition, at the borderline between nature and culture which mark its symbolic territory.
Books made of earth, sheets of paper stiffened, apparently, by the passing of remote epochs; unreadable pages once containing words and knowledge of which they are now only a solidified and faded memory; perhaps lost languages with only an invisible trace still speaking about an ancient wisdom, immutably hidden in the tangibility of clay. Just like words on the sand, erased by wind and water, but perhaps still entrapped in the structure of the material.
Worn out words, going back to nature: Corsi’s sculptures erect blocks and piles, monumental, fragile and rugged, evoking geological formations, menhirs, minarets, solar clocks in a constant interference between primitive and refined, light and heavy, fleeting and eternal, fossil findings and conceptual story telling, stillness and movement, body and mind. A multiplicity of references reflecting the tension of the transformation process and withholding the energy and the gentleness of the gestures which have moulded the shapes.
“Giving up painting and working with clay has made me more humble – says Fiorella – I feel I am less of an artist and more of a craftsman. It is the clay itself that tells me what to do and how to do it, not my brain.” Certainly there is on the part of Fiorella Corsi a friendship for her material (and perhaps a patient struggle), through her hands that mould the clay, the toil and the attention to how the pieces stick together; a contact which explores its possibilities and visions. The earth thinks and the hand knows what it is thinking.
This physical “homo faber” approach requires on the part of the watcher an innocent eye, capable of imagining and of inventing. To read Sand pages we have to lose our memory, to forget the present and to try to remember how the ancient codes of communication existing between art and materials can be perceived.
* * *
Pagine di Sabbia
Di Silvia Bordini

È molto piccolo lo studio di Fiorella Corsi ed entrandoci per la prima volta si è sorpresi. Quelle grandi sculture, quegli oggetti dal sapore arcaico, quelle installazioni svettanti e solenni, tutti realizzati in quel piccolo spazio?  Ovunque, ordinatamente,  terra grezza e terracotta, grigia, ocra e nera, un sentore di umido e tiepido, frammenti che attendono di essere montati, tracce della mano e del corpo, opere che stanno crescendo, si stanno formando.
Una scoperta, e una conferma. Perché il lavoro di Fiorella è profondamente legato alla materia: l’argilla, terra imbevuta di acqua che si modifica con l’aria e si trasforma col fuoco, secondo un processo arcaico di alchimia e manipolazione dei quattro elementi fondamentali della natura, terra aria acqua e fuoco che dal caos primigenio strutturano forme e miti, il divenire, le metamorfosi nel tempo e nello spazio. Materia che si fa immagine e metafora ma conservando l’aura e l’energia della propria sostanza primordiale.
Così nascono le sculture di questa mostra, sul limitare di una zona di confine tra natura e cultura che ne costituisce il territorio simbolico.
Libri di terra, fogli di carta irrigiditi, sembra, dal passaggio di epoche remote; pagine illeggibili che una volta contenevano parole e un sapere di cui ora sono memoria solidificata e sbiadita: forse linguaggi perduti di cui resta una traccia invisibile e che parlano tuttavia ancora di una saggezza antica, immutabilmente celata nella tangibilità della terracotta. Come parole sulla sabbia, cancellate dal vento o dalle onde, ma forse ancora racchiuse nella struttura della materia.
Parole consumate, che tornano alla natura: le sculture di Corsi innalzano blocchi e cataste monumentali, fragili e scabrosi, evocando costruzioni geologiche, menir, minareti, orologi solari, in una continua interferenza tra primitivo e raffinato, leggero e pesante, effimero e perenne, reperto fossile e affabulazione concettuale, immobilità e trasformazione, corpo e mente. Una molteplicità di riferimenti che riflette la tensione del processo di trasformazione e che trattiene l’energia e la delicatezza dei gesti che hanno plasmato le forme.
“Da quando non dipingo più e lavoro con la scultura di terra sono diventata più umile – racconta Fiorella – mi sento meno artista e più artigiana. È la terra a dirmi cosa fare come fare, non la mente”. E sicuramente c’è anche da parte di Fiorella Corsi un’amicizia per la materia (forse anche una lotta paziente), attraverso le sue mani che modellano l’argilla, la fatica e l’attenzione del montaggio: un contatto che ne esplora la formatività e la visione. La terra pensa e la mano ne conosce i pensieri.
Questa fisicità, questa adesione fabrile, chiede allo spettatore di guardare con un occhio innocente, capace di immaginare e di inventare. Per leggere le Pagine di sabbia dobbiamo anche noi smemorarci, dimenticare il presente e tentare di ricordare come si possono percepire i codici antichi della comunicazione che si  manifesta nel rapporto tra arte e materia.

Museo del Vittoriano (Interno)

Museo del Vittoriano (Interno)

More signs
By Elena del Drago

With this exhibition at the Vittoriano in Rome Fiorella Corsi rounds off her meditation on writing as the founding step of the individual and of society. After the exhibition at the Libreria Einaudi in Via Giulia in 2003 and the installation Tra Cielo e Terra which unravelled at the National Library of Rome in 2005, we can now witness the conclusion of a quest solidly anchored to the sign and to how it transforms itself into narration. A deep interest, which lies above all in her love for literature, meditated over and over, but also handwritten by this artist who has often expressed her very original view of the world in her short stories.
Fiorella Corsi has drawn the sap needed to nurture her patient work of sculpture from poetical suggestions, among others from Luis Borges), rather than from visual ones. When the protagonist of Borge’s short story Il Libro di sabbia (The Book of Sand) explains that a mysterious volume “Cannot be, but is. This book has an exactly infinite number of pages. None is the first, none is the last. I don’t know why they have been numbered in such an arbitrary way. Maybe to transmit the idea that the terms of an infinite series can be numberless” we are brought to think about the aerial vertical sculptures of this artist.
Similar to totems, erected in the conviction of the reciprocal founding link between man and the sign left by man: at the origin of human life there is writing and around this conviction we find Corsi’s quest. A search both conceptually structured and instinctive in its transformation into matter: it is the contrast between visual and literary culture and the expressive freedom acquired through sculpture that sheds light on the work of this Roman artist.
Her beginnings are linked to painting, too intellectual a tool to satisfy a direct relation with her materials; a need fulfilled on the contrary by clay with its handling and slow cooking. In her small studio in the Testaccio area, in an atmosphere of creative happiness, Fiorella Corsi realizes imposing sculptures like those which open this exhibition.
Pagine di sabbia (Sand Pages), 2 meters high, curled one on top of the other, are a monument to the desire of leaving a sign to which man entrusts the memory of his existence which would otherwise be lost. Just as the sheets that surround the sculpture, representing for the watcher an ammonition to remember, would be. The video images of the water line and of traces ceaselessly cancelled amplify the fundamental theme of the precariousness of human life.
In a similar manner the following installation entitled La Scrittura del vento (Wind writing) confirms the need for narration, even when it is nature and its agents that weave the weft of the signs.
The natural colours of these patient sculptures, with their different shades, bring us back to a timeless world and point to what man has always been and will continue to be after his passage on earth.
*  *  *
Altri segni
Di Elena Del Drago

Con questa esposizione al Vittoriano di Roma, Fiorella Corsi porta a compimento il suo riflettere attorno alla scrittura come atto fondante dell’individuo e della società. Dopo la mostra ospitata dalla Libreria Einaudi di Via Giulia nel 2003 e il percorso Tra cielo e Terra che si dipanava alla Biblioteca Centrale Nazionale di Roma nel 2005, oggi assistiamo all’atto conclusivo di una ricerca saldamente ancorata attorno al segno e al suo farsi racconto. Un interesse profondo,  che trova la sua ragion d’essere innanzitutto nell’amore per la letteratura,  non soltanto per quella letta e riletta, ma anche per quella scritta di proprio pugno da questa artista, che al piacere fisico di lasciare racconti ha più volte affidato il proprio bisogno di esprimere uno sguardo sul  mondo.
Così com’è stato da alcune suggestioni, prima poetiche che visive, offerte tra gli altri da Luis Borges, che Fiorella Corsi ha tratto linfa sufficiente per alimentare un paziente lavoro scultoreo.
Quando infatti il protagonista del racconto di Borges intitolato Il Libro di sabbia spiega a proposito di un misterioso volume che “Non può essere, ma è. Questo libro ha un numero di pagine esattamente infinito. Nessuna è la prima, nessuna è l’ultima. Non so perché siano numerate in questo modo arbitrario. Forse per far capire che i termini di una serie infinita ammettono qualunque numero”, non possiamo non andare con la mente alle costruzioni verso l’alto di questa artista.
Dei totem quasi, eretti nella convinzione di un reciproco, fondante, legame tra l’uomo e il segno da lui lasciato: all’origine della vita umana c’è la scrittura e attorno a questa convinzione si sviluppa la ricerca di Corsi. Una ricerca tanto strutturata concettualmente, quanto istintiva nel suo farsi materia: ad illuminare l’opera di quest’artista romana è proprio il contrasto tra la cultura visiva e letteraria e la libertà espressiva acquisita attraverso la scultura.
Gli esordi sono infatti legati alla pittura, strumento troppo intellettuale per soddisfare il bisogno di un rapporto diretto con la materia, che invece la terracotta, con la sua necessaria lavorazione manuale e la lenta cottura, poteva appagare. Nel suo piccolo studio del quartiere Testaccio, Fiorella Corsi, in una piena felicità creativa, realizza imponenti sculture come quelle che aprono questo percorso espositivo.
Alte due metri le Pagine di sabbia, inanellate una sopra all’altra, erigono un monumento al desiderio di lasciare dietro di se un segno, al quale l’uomo affida il ricordo della propria esistenza che andrebbe altrimenti perso, così come rischiano di andare dispersi quei fogli che circondano la scultura e appaiono al visitatore un monito al ricordo. Le immagini video del bagnasciuga e di tracce incessantemente cancellate, non fanno che ampliare l’idea cardine della precarietà dell’esistenza umana.
Ed è allo stesso modo che l’installazione successiva intitolata La scrittura del Vento  ribadisce la necessità del racconto, anche quando sono la natura e i suoi agenti  a tessere la trama di segni. I colori naturali di queste pazienti sculture, declinati in diverse tonalità, ci riportano ad un mondo senza tempo e sembrano voler ricordare all’uomo ciò che è sempre stato e continuerà ad essere dopo il suo passaggio.

Estasi del libro. Installazione, cm 100x600

Estasi del libro. Installazione, cm 100×600

Handwritten
By Peter Mason

Like all vertical volumes, Fiorella’s  towering shapes evoke the verticality that is one of the characteristics of the human body. Their superhuman dimensions, however, – they are more than three metres tall – confound the very comparison that they invite, shatter the association that they suggest. As Kant pointed out, the sublime is not lofty, nor very lofty, but higher than high, as immeasurable as the grains of sand.
Maleiwa, the culture hero of the Guajiro of Venezuela, according to the shaman Shaatüi Uliyuu:*

Then Maleiwa went to the shore, to a land of clay
Where the rocks are covered with prints;
There where the Guajiro now make their pottery,
[…]
He saw there the spoors of cows, horses, dogs,
He saw there the spoors of all the animals,
He saw there the spoors of human beings…
Then he took some clay and made living beings…

It is as if the tracks of the beings were a spontaneous writing that existed before Maleiwa, a primordial language bound up with the origins of the world. The world existed in the form of traces or spoors before its materialisation. Absence, marked by the signs, later became existence. Reading became a constitutive act.
And this act of materialisation, of reading, of construction, is an act that passes through the hands of the artist. Every square centimetre of the works on display has been touched by a human hand – by Fiorella’s hand – to become what it is.
After the book and calligraphy, the artist goes further back, back to an act of creation that is only itself. No representation, it just is. Pure act, higher than high, as immeasurable as the grains of sand.
Periodically, daily, the grains of sand efface every trace that has been left on them. These volumes, on the other hand, preserve, in their fragility, every trace of the artist’s hand that has marked them. Fragility, the writing of the wind; permanence, the writing of the hand.

*The words of Shaatüi Uliyuu, recorded by the French anthropologist Michel Perrin, are taken from Edmundo Magaña and Peter Mason, Myth and the Imaginary in the New World.
*  *  *
La scrittura della mano
Di Peter Mason

Come tutti i volumi verticali, le forme torreggianti di Fiorella invitano un paragone con il corpo umano. Le loro dimensioni, comunque – alte più di tre metri – sono sovrumane, sfidano proprio il paragone che richiamano, provocano la propria dissociazione dall’associazione che suscitano. Come accennò Kant, il sublime non è veramente alto, neppure molto alto, se non è più alto dell’altezza, tanto incommensurabile quanto sono innumerevoli i granelli della sabbia.
Ecco Maleiwa, l’eroe culturale dei Guajiro del Venezuela, secondo lo sciamano Shaatüi Uliyuu:*

Poi Maleiwa si recò alla spiaggia, su di una terra argillosa,
Dove le rocce sono coperte dalle impronte; lì dove i Guajiro
adesso fanno la loro ceramica.
[…]
Vide le tracce di vacche, di cavalli, di cani,
Vide le tracce di tutti gli animali,
Vide le tracce di esseri umani,
Poi prese dell’ argilla e creò gli esseri viventi…

È come se le tracce degli esseri fossero una scrittura spontanea che esisteva prima di Maleiwa, una lingua primordiale in rapporto con le origini del mondo. Il mondo esisteva sotto forma di tracce prima di essere materializzato. L’assenza, segnalata dai segni, diventò esistenza, presenza. La lettura diventò un atto di costruzione.
E questo atto di materializzazione, di lettura, di costruzione, è un atto che passa dalle mani dell’artista. Ogni centimetro quadrato delle opere in mostra è stato toccato da una mano umana – dalla mano di Fiorella – perché diventasse ciò che è.
Dopo il libro e la scrittura calligrafica, l’artista torna più indietro, torna ad un atto di creazione mimetico di se stesso. Non rappresenta, solo è. Atto puro, più alto della altezza,  tanto incommensurabile quanto sono innumerevoli i granelli della sabbia. Periodicamente, anzi quotidianamente, i granelli della sabbia cancellano ogni traccia che è rimasta su di essi. Questi volumi, invece, conservano, nella loro fragilità, ogni traccia che la mano dell’artista vi ha lasciato. Fragilità, la scrittura del vento; permanenza, la scrittura della mano.

*Il testo di Shaatüi Uliyuu, dettato all’antropologo Michel Perrin, è preso da Edmundo Magaña e Peter Mason, Myth and the Imaginary in the New World.

Estasi del libro. Installazione (particolare)

Estasi del libro. Installazione (particolare)

Estasi del libro. Installazione (particolare-2)

Estasi del libro. Installazione (particolare-2)

Pagine di sabbia (1)

Pagine di sabbia (1)

Pagine di sabbia (2)

Pagine di sabbia (2)

Pagine di sabbia (3)

Pagine di sabbia (3)

Libri di terra, (particolare) h 320 e h 400

Libri di terra, (particolare) h 320 e h 400

Libri di terra, (particolare)

Libri di terra, (particolare)

Libri di terra, h 320

Libri di terra, h 320

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...